You are here
Home > Arredare > Arredare il monolocale. Proposte e consigli per piccoli spazi

Arredare il monolocale. Proposte e consigli per piccoli spazi

Come arredare un monolocale piccolo

Il vostro nido è la cosa a cui tenete di più, il luogo in cui non vedete di ritornare dopo una lunga giornata di lavoro. Certo, non è una reggia ma forse non siete a conoscenza di alcuni piccoli accorgimenti per arredare, in modo consono, un ambiente di piccole dimensioni.
Qualunque metro quadro può essere visivamente ampliato rispetto alcune regole basilari dell’arredo. Vediamo quali…

Scegliere i colori attentamente

Un colore carico e scuro è in linea con le ultime mode nel campo dell’arredamento ma questo non giova all’aspetto dei locali, che diventano oppressivi e claustrofobici. Scegliere invece delle tinte molto luminose, capaci di attirare la luce solare e aumentare la sensazione di aria e spazio. Se proprio non volete rinunciare ad un tocco di personalità, colorare solo una parete (quella dove si concentra l’attenzione maggiore) della stanza e applicarvi tutta l’oggettistica lasciando le altre pareti il più immacolate possibile.
Anche oggettistica e arredamento hanno la loro importanza, il segreto è la semplicità. Qualora ciò non sia possibile, evitare di riempire la stanza con troppi monili per diminuire il senso di caos e pienezza della stanza.

Utilizzate la piena funzionalità degli spazi

arredare-piccoli-spaziUn progetto che sfrutti la piena fruibilità degli spazi interni è il sogno di ogni proprietario di un piccolo monolocale, molto spesso questo è organizzato in modo pessimo con il risultato di un ambiente più piccolo di quanto in realtà sia.

Eliminare i tramezzi lasciando la pianta pura e delimitata solo dal perimetro può essere un toccasana. Da questo punto è tutta una strada in discesa, basterà aggiungere le porte scorrevoli, ripostigli in quota (utilizzando lo spazio morto sopra le porte) e mobili su misura per non perdere nemmeno un centimetro utile.
Attenzione però a non otturare ogni spazio vitale della casa, il limite tra casa funzionale e casa opprimente è labile.

Sviluppate le altezze

Esistono monolocali, ricavati da case antiche, che conservano la struttura e la tipologia delle costruzioni in voga in quegli anni. Proprio questo è il motivo per cui alcuni monolocali si allungano in altezza, creando un alto spazio inutilizzato.

La creazione di soppalchi ha ovviato a questo problema permettendo la progettazione di vere e proprie stanze. L’errore da evitare è porre ambienti inutili o poco coerenti con la pianta del monolocale. Se avete una zona giorno e una notte, il soppalco dovrà riflettere questa divisione ad esempio ponendo un soppalco con studio nell’area living; l’obiettivo è quello di avere una finalizzazione omogenea e che non risenta di una scomodità nella routine quotidiana.

Utilizzate gli spazi ciechi

Esistono elementi di arredo capaci di nascondere, agli occhi dei vostri ospiti, il guardaroba o il ripostiglio. Basterà immettere una scala piena per sfruttare pienamente gli spazi al di sotto di essa, che sarebbero inutilizzati altrimenti.
Agli estremi di alcuni mobili possono essere costruite delle piccole librerie, atte ad ospitare libri, oggetti o utensili.

Il letto può fungere da scompartimento segreto per raccogliere e conservare tutte quelle cose che necessiterebbero di un guardaroba ampio.
A proposito di quest’ultimo, gran parte dello spazio destinato al guardaroba, può essere risparmiato grazie a mobili alti in sospensione e a scomparsa. Magari dietro un quadro!

Lascia un commento

*

Top