You are here
Home > Idee Casa > Luce e gas, cosa bisogna sapere

Luce e gas, cosa bisogna sapere

Imposta - Prestito ipotecario

In casa, in ufficio, in un negozio o un’attività pubblica la fornitura di gas ed energia elettrica va scelta con cura. Ecco cosa bisogna sapere per affidarsi al fornitore giusto.

Quando si cerca la giusta soluzione per avere luce e gas a prezzi convenienti, ci sono molte valutazioni da fare. Prima tra tutte la scelta tra il mercato a maggior tutela (che sembra scomparirà del tutto entro il 2022) e quello libero, poi l’utilizzo di fonti di energia sostenibili, l’approccio ai bisogni del cliente, e non ultimo il risparmio sulla bolletta. Ecco qualche chiarimento in merito alle tante proposte e offerte.

Mercato libero vs. tutela

Cosa vuol dire mercato tutelato? Si tratta di una modalità di fornitura dell’energia che tiene conto di tariffe fisse determinate dall’ARERA, l’autorità di regolazione per energia, reti e ambiente. Il mercato libero invece prevede che siano i singoli fornitori a stabilire prezzi e offerte di vario tipo, in maniera completamente svincolata e concorrenziale.

Seppure la prima modalità sembri più sicura per il consumatore, è la seconda che sta prendendo piede sempre di più nel nostro Paese. Infatti è stato previsto che (a meno di ulteriori rinvii) entro luglio 2022 il mercato dell’energia sarà completamente liberalizzato. Ciò vuol dire un maggior numero di fornitori tra cui scegliere, innumerevoli offerte e maggior concorrenza tra le aziende che si occupano di energia.

Comparare i prezzi di luce e gas: i simulatori online

Se una famiglia o un singolo individuo vuole cambiare fornitore di luce e gas, come può scegliere quello giusto? La liberalizzazione del mercato ha reso certo più convenienti i prezzi, ma anche più confusionario il paragone tra le varie aziende.

Qui entrano in gioco i simulatori online, che comparano le tariffe di energia elettrica e gas secondo un calcolo statistico dei consumi mensili e annuali. Basta inserire i dati che si trovano nelle ultime bollette ricevute per individuare la propria fascia media di consumi e il fornitore che offre le tariffe più convenienti.

Occhio ai bonus aggiuntivi su luce e gas

Come dicevamo, i comparatori online permettono di paragonare le offerte di numerosi fornitori di energia operanti sul territorio. Quello che però spesso non è contemplato sono i bonus e le tariffe agevolate.

Per esempio, alcune aziende offrono sconti in bolletta per chi porta un amico o un conoscente all’interno della cerchia dei clienti. Oppure un bonus di benvenuto per la prima bolletta della stipula del contratto. Se un fornitore sembra interessante, tutte le eventuali possibilità di risparmio vanno valutate singolarmente.

Diffidare dai call center

Nella ricerca di un nuovo fornitore, si può incappare in truffe telefoniche che sono una piccola grande piaga nel mondo della distribuzione di energia. Non solo i clienti rischiano di cadere in trappola e perdere cifre anche consistenti, ma questo tipo di attività rende anche gli utenti meno predisposti a fidarsi delle offerte.

Per ovviare a qualsiasi possibile imbroglio, è bene rivolgersi direttamente al servizio clienti del fornitore che si ritiene più adatto. O magari contattarne più di uno e fare tutte le domande del caso. Solo così, infatti, si può essere sicuri di parlare realmente con i rappresentanti dell’azienda e di avere notizie chiare e corrette.

Top